affidamento figli

E' lecito trasferire la residenza del figlio minore affidato congiuntamente, anche in mancanza di accordo, se risulta la scelta migliore per tutelare il benessere del bambino
Le regole dell'affidamento condiviso prevedono che tutte le decisioni sulla vita dei figli minori - salute, istruzione, educazione, città di residenza - devono essere concordate fra i genitori. In caso di disaccordo interviene il giudice
I trattamenti sanitari per la maturazione personale ed il raffreddamento della conflittualità fra i genitori devono essere liberamente scelti, non possono essere prescritti dal giudice investito della controversia sull'affidamento dei figli minori.
E’ quello che ha stabilito il Tribunale di Milano con una ordinanza emessa il 16 aprile 2013 in un procedimento di divorzio. Nel caso in questione i coniugi, con una storia di forte conflittualità, hanno concordato una graduale ripresa dei rapporti tra le figlie e la madre, con diverse modalità di frequentazione rispetto agli incontri presso il servizio sociale. Ed infatti le bambine incontravano la madre in strutture protette, cosa che provocava nelle piccole vissuti di ansia e di...
Il caso dei due bambini di Salerno prelevati all’uscita di scuola da polizia ed assistenti sociali, del quale si è molto parlato nei giorni scorsi, offre lo spunto per alcune riflessioni. Abbiamo visto immagini impressionanti (e intollerabili) dei sentimenti di paura e sofferenza provocati ai bambini dalle modalità di esecuzione del provvedimento del Tribunale che ha statuito l'allontanamento dalla madre e la collocazione dei piccoli in una casa famiglia.
Corte di Cassazione - Sezione I - Sentenza 20 marzo 2013, n. 7041 OMISSIS Svolgimento del processo 1. - I coniugi O.G. e M.D., dalla cui unione, era nato, in data l6 aprile 2002, il figlio L.E., a seguito di una crisi insorta dopo pochi anni di convivenza, si separavano consensualmente nel febbraio, del 2005.