VANDA LOPS - AVVOCATO MATRIMONIALISTA DEL FORO DI ROMA

Avvocato del foro di Roma, esperta in diritto di famiglia e minorile, diritto penale ordinario e minorile, diritto di famiglia internazionale, sottrazioni internazionali di minori, responsabilità medica e sanitaria.

 

Ha collaborato con primari studi legali, in Italia e all'estero, quali Coudert Brothers Law Firm; Herbert Smith International Law Firm (oggi Herbert Smith Freehills) e lo Studio Legale Lana, Lagostena Bassi. 


Nel settembre 2001 ha creato il sito web divorzionline.it (oggi studiolegalelops.it) il primo portale italiano specializzato nella consulenza legale alla coppia e alla famiglia. 

 

Nel 2007 ha costituito (con i deputati Rita Bernardini e Maurizio Turco) la Lega italiana per il divorzio breve, con la finalità di ridurre i tempi necessari per proporre la domanda di divorzio.

Grazie all'attività della Lega, alla quale hanno aderito giuristi, magistrati e politici di ogni partito, è stata approvata la Legge 6 maggio 2015 n. 55, sul "divorzio breve", che ha notevolmente ridotto il termine che deve decorrere dalla separazione per poter proporre la domanda di divorzio.

 

Collabora con enti pubblici ed associazioni impegnate nella tutela dei diritti della persona e dei minori, al fine di promuovere progetti di legge volti a rendere la giustizia più efficiente, a promuovere la mediazione familiare, a tutelare i diritti fondamentali dell'infanzia, ad abolire ogni forma di violenza nelle relazioni familiari.

 

L'avvocato Lops è inoltre una fonte di informazione e di confronto sui temi del diritto di famiglia per molti media nazionali ed in particolare per le redazioni di programmi televisivi di attualità.

 

Lo Studio Legale Lops ha sedi a Roma e Milano, opera a livello nazionale con numerosi corrispondenti in Italia.


PUBBLICAZIONI RECENTI


CONTATTI

 

Per fissare un incontro in studio


 

Per fissare una consulenza legale telefonica




NEWS DAL BLOG

Alimenti all’ex convivente, la pronuncia del Tribunale di Milano

Il convivente di fatto può ottenere un assegno alimentare dall’ex partner, ma la convivenza deve essere cessata dopo l’entrata in vigore della legge Cirinnà (5 giugno 2016).

La domanda di alimenti non va proposta nella controversia riguardante i figli minori, ma con un separato giudizio.

 

E’ quanto stabilito dal Tribunale di Milano con ordinanza della nona sezione, pubblicata ieri. 

leggi di più 0 Commenti

Spese straordinarie, cosa fare se l'ex non paga

In caso di separazione personale, di fine della convivenza e di divorzio spesso è previsto che il genitore non collocatario dei figli minori debba versare all’altro, oltre che un importo fisso mensile, una percentuale delle spese straordinarie, mediche, scolastiche, sportive e ludiche, sostenute per i figli.

leggi di più

Le competenze del miglior avvocato matrimonialista

Quali sono le competenze del miglior avvocato divorzista, chi è il miglior avvocato matrimonialista per esempio a Roma, chi è il miglior avvocato divorzista in Italia e come lavora il miglior avvocato divorzista a livello nazionale, sono queste le domande che si pone un coniuge in procinto di separarsi o divorziare.

 

Un buon avvocato divorzista deve essere esperto di diritto di famiglia, che è materia vasta e complessa.

Non esiste una specializzazione nel diritto di famiglia, dunque non vi è un titolo formale di avvocato matrimonialista o avvocato divorzista, ma le competenze si costruiscono con anni di studio e di esperienza nelle aule dei tribunali.

 

Gli avvocati divorzisti, esperti di diritto di famiglia, riusciranno a tutelare a pieno i diritti dei clienti solo se avranno competenze anche:

 

- nel diritto penale, per gestire casi di maltrattamenti in famiglia, abusi su minori, stalking, altri casi di violenza intrafamiliare; o reati come l’ingiuria, la diffamazione o la calunnia (troppo spesso) commessi da un coniuge in danno dell’altro;

 

- nel diritto di famiglia internazionale: si pensi ai matrimoni misti, con coniugi di diversa cittadinanza, sempre più numerosi nel nostro paese in seguito ai flussi migratori degli scorsi anni, o ai casi nei quali uno dei coniugi risiede all’estero, casi nei quali si pongono complessi problemi di giurisdizione e di legge applicabile; ai casi in cui occorre ottenere il riconoscimento di una sentenza emessa da un’autorità giudiziaria straniera o in cui occorre dare esecuzione all’estero di un provvedimento emesso in Italia; ed ancora, alle ipotesi di sottrazione internazionale di minorenni ed alle procedure per il rimpatrio del minore.

 

Fondamentale per il buon avvocato matrimonialista è essere attento alla realtà sociale della famiglia, per approntare tutela anche dove vi è un vuoto normativo.

E' inoltre importante l'aggiornamento professionale costante, trattandosi di materia nella quale la normativa e la giurisprudenza sono in continua evoluzione: basti pensare che negli ultimi anni sono intervenute novità legislative quali (per citarne alcune) l'equiparazione del trattamento dei figli nati fuori dal matrimonio ai figli nati dall'unione matrimoniale (con l'eliminazione degli status di figlio legittimo e figlio naturale), il divorzio breve, il riconoscimento di diritti ai conviventi di fatto,  l'unione civile fra persone dello stesso sesso. 

leggi di più

Unioni civili fra persone dello stesso sesso, le nuove norme

E’ stata approvata lo scorso 11 maggio alla Camera la legge che ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto dell’unione civile fra persone dello stesso sesso.

 

L’unione civile è un nuovo istituto che due persone dello stesso sesso possono costituire con una dichiarazione davanti all’ufficiale dello stato civile ed alla presenza di due testimoni.

L’ufficiale di stato civile provvede poi alla registrazione dell’unione nell’archivio dello stato civile.

leggi di più 0 Commenti

La pronuncia di addebito della separazione

La separazione può essere chiesta quando si verificano fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza (art. 151 codice civile).

Pertanto, ci si può separare quando si nutre una semplice disaffezione nei confronti del coniuge, anche in assenza di comportamenti contrari ai doveri coniugali. In questo caso la separazione sarà pronunciata senza addebito.

leggi di più 0 Commenti

Prevenire la sottrazione internazionale di minori

La sottrazione internazionale di minorenni indica la situazione in cui un minore viene condotto e trattenuto all’estero illecitamente, senza il consenso di colui che esercita la responsabilità genitoriale sul minore stesso.

Tale situazione si verifica in genere ad opera di uno dei genitori del minorenne, il quale senza il consenso dell’altro genitore conduce e trattiene all’estero il figlio, lontano dalla residenza abituale del bambino.

leggi di più 0 Commenti

Come si calcola l'assegno di mantenimento

Il giudice, quando pronuncia la separazione personale, per stabilire l’ammontare dell’assegno di mantenimento in favore del coniuge debole deve tenere presente la situazione economica complessiva di entrambi i coniugi, non limitarsi alla comparazione dei rispettivi redditi.

Lo ha ribadito di recente la Corte di Cassazione con ordinanza del 4 novembre 2015 (n. 22063).

leggi di più

Il diritto al rispetto della vita familiare

Nei giorni scorsi una sentenza del Consiglio di Stato [1] ha chiarito che il matrimonio contratto all’estero da cittadini italiani omosessuali è per il nostro ordinamento un atto inesistente, per difetto della condizione della differenza di sesso tra gli sposi, che è elemento essenziale per la stessa giuridica esistenza dell’istituto del matrimonio nel nostro ordinamento.

 

leggi di più 0 Commenti

Il pensionamento non giustifica la riduzione dell’assegno all’ex coniuge

 

La Corte di Cassazione ritorna sul tema della revisione della misura dell’assegno di divorzio con una recente ordinanza [1], emessa in seguito al ricorso proposto da un ex coniuge, al quale la Corte d’Appello di Cagliari aveva respinto la richiesta di revoca dell’assegno di mantenimento in favore della ex moglie dopo il pensionamento e la conseguente riduzione del proprio reddito.

leggi di più 4 Commenti

Italia condannata per il mancato riconoscimento delle unioni civili

 

E’ questo l’esito di un ricorso proposto da tre coppie italiane di persone dello stesso sesso alla Corte Europea dei diritti dell’Uomo per denunciare il rifiuto dell’Ufficiale di stato civile di procedere con le pubblicazioni di matrimonio.

leggi di più 0 Commenti