05. luglio 2017
L’assegno divorzile può essere ridotto o revocato alla luce dei nuovi parametri fissati dalla Corte di Cassazione nel maggio di quest’anno.
27. giugno 2017
Il vissuto dei figli di genitori separati; bisognerebbe non separarsi per il bene dei figli? come ridurre il disagio dei figli durante la separazione; l'utilità della mediazione familiare
07. giugno 2017
Avvocato esperto in diritto internazionale di famiglia, il miglior avvocato esperto in diritto internazionale di famiglia, avvocato specializzato in diritto internazionale di famiglia, avvocato esperto in diritto internazionale a Roma
19. maggio 2017
La separazione dal coniuge straniero irreperibile e la separazione dal coniuge residente all'estero: la notifica dell'atto introduttivo va effettuata in modo corretto
17. maggio 2017
Il miglior avvocato divorzista a Roma, il miglior avvocato matrimonialista a Roma, avvocato divorzista Roma, avvocato matrimonialista Roma
15. maggio 2017
Come si fa a comprendere quando l’amore c’è e quando non c’è? Spesso tendiamo a fare confusione tra l’ “innamoramento” e l’ “amore”, tendendo a pensare che rappresentino la stessa cosa. Ma in realtà non è proprio così. L’innamoramento è scientificamente dimostrato essere un periodo ben definito e circoscritto all’interno di una relazione di coppia, che nasce, si sviluppa e si conclude mediamente nel giro di 12 mesi.
11. maggio 2017
Una storica sentenza della Corte di Cassazione chiarisce che il parametro per valutare la spettanza dell’assegno di divorzio è l’autosufficienza economica dell’ex coniuge, essendo ormai inattuale ogni riferimento al tenore di vita matrimoniale.
05. maggio 2017
Il marito che costringe la moglie, con gravi minacce, a tollerare che egli incontri l’amante nell'abitazione familiare risponde del reato di maltrattamenti in famiglia.
20. aprile 2017
I motivi di addebito della separazione, abbandono del domicilio coniugale, infedeltà, relazione extraconiugale, maltrattamenti, menzogne e manipolazioni
24. marzo 2017
In caso si sostengano spese straordinarie per i figli occorre conservare ricevute di pagamento, scontrini e fatture, ma secondo una recente pronuncia della Cassazione non occorre anche un decreto ingiuntivo, si può procedere con il pignoramento

Mostra altro